NON autorizzo la pubblicazione dei testi, delle ricette e delle foto in alcun spazio della rete senza preventiva richiesta.
Le immagini e i testi pubblicati in questo sito sono di proprietà dell’autore e sono protetti dalla legge sul diritto d’autore n. 633/1941 e successive modifiche.

martedì 11 maggio 2010

Come si fa a ... cuocere la pasta.


Cosa c'è di difficile nel cucinare la pasta?






Niente direte voi, perchè poi farne un post? Fino a poco tempo fa pensavo esattamente la stessa cosa, ma quando mio figlio number 3 mi ha raccontato cosa è successo a casa di un suo amico ho capito che niente è facile se non lo hai mai fatto prima!!!
Per prima cosa i genitori devono sapere che quando i figli finalmente sono abbastanza grandi da poter stare un week-end a casa da soli e finalmente i concedono una vacanza la loro suddetta casa sarà punto di incontro di tutti gli amici.
E che cosa fanno per prima cosa i ragazzi? Si fanno da mangiare una pasta, e ognuno dice la sua sul come si fa, e i risultati a volte sono veramente a dir poco singolari.

Questo è ciò che è capitato, dal racconto di number 3:
si decide di fare la pasta
si mette dell'acqua fredda in una pentola e si accende il gas
immediatamente si butta nell'acqua un pacco di pasta
a qualcuno viene in mente che forse c'è qualcosa che non va
forse è meglio buttare la pasta quando l'acqua bolle
viene recuperata la pasta (non mi ha spiegato come)
quando l'acqua bolle viene ributtata la pasta
discussione se la pasta è cotta
si scola la pasta

Domanda (di madre allibita): ma che schifo, avete buttato la pasta nell'acqua fredda e poi ritirata e ributtata? Ma come è venuta?
Risposta: non male, peccato che ci siamo dimenticati di mettere il sale!!!

Per cui, ecco come si cuoce la pasta:

Le foto sono riferite alla cottura di 120 grammi di pasta per una persona.





Mettete sul fuoco acceso al massimo una pentola d'acqua, aggiungete del sale grosso (all'incirca quello che ci sta in un pugno)










e coprite con un coperchio.













Pesate la pasta.













Quando l'acqua bolle













buttate la pasta














e con un cucchiaio di legno mescolate bene in modo che non si attacchi al fondo.


Continuate la cottura senza rimettere il coperchio.







Controllate sulla confezione il tempo di cottura ma prima di scolare la pasta assaggiatela per vedere se è cotta, se è insipida aggiungete poco sale grosso.










Quando è cotta prendete due pugnine (i manici scottano) e scolate la pasta nello scolapasta nel lavandino avendo l'avvertenza di aprire l'acqua fredda, in modo che l'acqua bollente della pasta si mescoli a quella fredda per non rovinare l'acciaio.
Scuotete bene lo scolapasta in modo che tutta l'acqua se ne vada.








mettete la pasta nei piatti e subito conditela con olio mescolando bene e se volete del passato di pomodoro e formaggio gratuggiato.









Ti potrebbe interessare:
torte
cucinare uova
cotolette e patatine

37 commenti:

  1. Per molti sarà anche scontato, ma queste cose non tutti le sanno...c'è pur sempre una prima volta per cui trovo utilissimo questo post..
    sai quanti non sanno fare un uovo sodo o un caffè??..più di quel che pensiamo...

    ciao ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non so cuocere sofficini e uova all'occhio di bue, ma so fare benissimo il risotto ;)

      Elimina
  2. Rimarrò scioccata per sempre dal racconto di tuo figlio! O_o

    RispondiElimina
  3. eh eh ;-) però queste sono le esperienze che insegnano.. comunque io il sale lo butto quanto l'acqua bolle.. molti lo mettono subito.. non ho mai capito cosa sia meglio..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La differenza è che quando metti il sale all'inizio, l'acqua ci mette più tempo a bollire ^^

      Elimina
    2. ciao e se... rafreddo la pasta con acqua fredda ....??? cosa succede??

      Elimina
    3. ma perchè dovresti raffreddare la pasta?

      Elimina
  4. @Morena: hai ragione, ma io non sapevo se ridere o se piangere alla fine del racconto. Ma quante volte avranno visto le madri preparare una pasta? Mah.
    @Jane: siamo in due.
    @ALittaM:proprio così!

    RispondiElimina
  5. @Francesca: il sale prima o quando bolle non cambia niente, solo col sale bolle prima l'acqua, tutto qui, ciao (p.s.ma tu ce l'hai un blog?Perchè io non ti trovo)

    RispondiElimina
  6. @mariacristina: no non ce l'ho un blog.. un ho space che praticamente è la stessa cosa.. libertycesca.spaces.live.com

    RispondiElimina
  7. Ciao Maria Cristina, ti ho scoperto per caso...Che idea fantastica a fare qs. post! Io sono d'accordo con te: mia mamma ha insegnato sin da subito, sia a me che ai miei fratelli, a sbrigarcela da soli in cucina... Ed anche se mio figlio ha adesso solo 8 anni, penso proprio che inizierò a trasmettergli presto dei piccoli segreti culinari. Ciao Gabry

    RispondiElimina
  8. grande post! quando ero piccina e scout non ti dico cosa succedeva alla pasta... praticamente era malta. Una volta al campo estivo abbiamo deciso di aromatizzarla con gli aghi di pino tritati ... non sto scherzando *_*

    RispondiElimina
  9. Ciao Maria Cristina, grazie per essere passata dal mio blog... hai ragione il colombino fa davvero tenerezza...
    baciotti Chiara

    RispondiElimina
  10. sembra impossibile che qualcuno non sappia cuocere la pasta! è vero si danno per scontate certe conoscenze, ma se nessuno insegna........brava ottima iniziativa.
    ciao Reby

    RispondiElimina
  11. @Francesca ti ho trovata!!!
    @Gabriella: benvenuta! Tante volte penso che basterebbe guardare che si impara, quante volte ho avuto i figli intorno quando cucino, invece sembra proprio che debbano provare da soli per imparare.
    @Tibia: grazie! mi hai fatto morir dal ridere, condimento a base di aghi di pino, eccezzionale:):):)

    RispondiElimina
  12. @Ki@r@a: un saluto, ciao!
    @Rebecca: come ho detto a Gabriella, insegnare è giustissimo, il problema è che fin che non sono costretti a provare sembra non imparino.

    RispondiElimina
  13. in effetti il procedimento è banale...se lo si conosce, altrimenti tutto è possibile! E tuo figlio ne è la prova vivente :-))

    RispondiElimina
  14. @Gabriella: ma tu sei una mamma? E' tuo il blog?

    RispondiElimina
  15. Sì, il mio pseudonimo è Unamammabis. Ho due bambini di 8 e 9 anni ed insieme ad Unamamma abbiamo il nostro piccolo blog. Ciao Gabry

    RispondiElimina
  16. @Gabriella:avete proprio un bel blog, passo a trovarvi, ciao

    RispondiElimina
  17. Grazie mille! Era la prima volta che facevo una pasta e non sapevo proprio da dove iniziare :)

    RispondiElimina
  18. @Anonimo:spero sia venuta buona:)

    RispondiElimina
  19. come dire chinesi che non sanno fare il riso
    hihihi

    RispondiElimina
  20. io lo trovo utilissimo il post :) non sapevo dove sbagliavo perché la pasta degli altri mi sembrava sempre più buona della mia. :) :) ora faro alla lettera questo e poi vedremo ;) graaaaazieeeeee

    RispondiElimina
  21. sei mitica!!!sn a casa da sola ho dodici anni so fare la pasta ma a volte mi dimentico dei passaggi...grz grz :D

    RispondiElimina
  22. @Sofi: Grazie, ma stai attenta specialmente a non scottarti, bacioni.

    RispondiElimina
  23. Comunque il sale bisogna metterlo quando l'acqua già bolle, perché il cloruro di sodio (sale) ha una temperatura di fusione più alta e di conseguenza alza la temperatura di ebollizione dell'acqua facedo in modo da impiegarci più tempo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, ma visto che è una spiegazione base base per i ragazzi che per le prime volte fan da soli meglio metterlo prima altrimenti rischiano di dimenticarselo e poi sai che chifo la pasta senza sale!

      Elimina
  24. È assolutamente falso dire che mettendo il sale nell'acqua fredda questa bolle prima! al. massimo è il contratto... Ci mette di più! Ma complimenti lo stesso per il blog! ciaooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nessuno ha detto, almeno mi pare, che l'acqua bolle prima, ma come ho già risposto qui sopra questo è un post per "principianti" per ragazzi alle prime armi, e quindi per non dimenticarsi di mettere il sale quando l'acqua bolle ho scritto di metterlo subito, ci vorrà un po' più di tempo ma almeno la pasta sarà mangiabile. Grazie per la visita!!!!

      Elimina
  25. Utilissimo questo post grazie mille, ho 13 anni e questa sarà la prima volta.... vediam come verrà fuori :-) :-) :-)

    RispondiElimina
  26. alessandro di giulio5 maggio 2015 13:38

    Grazie mille mi e servito tantissimo ho 13 e quindi non so dove mettere mano!!☺👍

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alessandro felice di essere stata utile!

      Elimina
  27. Grazie mille mi è servito moltissimo, non mi è mai piaciuta la pasta quindi non mi sono mai posta il problema però adesso che ho 18 anni mi trovo spesso a dire al mio ragazzo di farsela perché io sono una frana... Dovrò pur imparare prima o poi :)

    RispondiElimina
  28. Per molti sarà anche scontato, ma queste cose non tutti le sanno...c'è pur sempre una prima volta per cui trovo utilissimo questo post.

    ciao ciao

    RispondiElimina

Se lasciate un commento mi fa piacere, ma NON VERRANNO PUBBLICATI I COMMENTI SENZA NOME. E saranno cancellati i commenti che altro non sono che pubblicità commerciali
Thank you very much for sharing your thoughts with me!