NON autorizzo la pubblicazione dei testi, delle ricette e delle foto in alcun spazio della rete senza preventiva richiesta.
Le immagini e i testi pubblicati in questo sito sono di proprietà dell’autore e sono protetti dalla legge sul diritto d’autore n. 633/1941 e successive modifiche.

lunedì 6 ottobre 2014

Come si fa ... la torta Molly, ovvero la ciambella ....

Il cake design è di moda, con a volta la battuta: belle torte ma poco buone! Ma anche le pizze a volte sono poco buone ... dipende dal pizzaiolo!
A parte gli scherzi è di moda come base  una torta detta oramai da tutti nel settore "la torta Molly" dal nome di una nota e bravissima cake designer. In realtà questa ricetta non è altro che quella di una ciambella in giro da diversi anni, io stessa l'avevo postata nel lontano ottobre 2009, ossia ben cinque anni fa riprendendola da altre blogger (come chiaramente specificato) qui potete vedere il link.
Sia chiaro, non sto facendo polemica, in questo mondo che di dolce ha ben poco ma di veleno molto manco solo io ad innescarne!!! E spero che questo sia ben chiaro ...
Vi faccio copia incolla di una ricetta stravecchia che però ora tutti vogliono provare, molto buona e facile da fare, si usa la panna come grasso al posto del solito burro o della margarina o dell'olio di oliva come di solito. Il risultato? Una torta buona, molto buona, che può essere mangiata così come è per colazione o merenda oppure se adeguatamente farcita e ricoperta può essere usata come base per una torta da decorare con pasta di zucchero.



Ingredienti:
  1. 250 dl di panna.
  2. 250 gr. di zucchero.
  3. 250 gr. di farina.
  4. 1 bustina di lievito.
  5. 3 uova grandi.


Mescolare i tuorli con lo zucchero



























Aggiungere la farina e il lievito,
poi aggiungere la panna.













Montare gli albumi a neve e aggiungerli al composto.













Imburrare e spolverare di farina una tortiera, versare il composto.








Mettere nel forno preriscaldato a 160 gradi per 40 minuti circa, prima di togliere la ciambella dal forno provare la cottura con uno stecchino.



















mercoledì 1 ottobre 2014

Come si fa ... la torta che piace ai miei figli: ricotta e mele.





Torta ideale per fare colazione e merenda, facile da fare, senza particolari difficoltà.

Ingredienti:

  1. 200 gr farina
  2. 50 gr fecola
  3. 250 gr ricotta
  4. 180 gr zucchero
  5. 3 uova
  6. 2 mele
  7. 50 gr burro
  8. 1 bustina di lievito per dolci
  9. 1/2 bicchiere di latte
  10. succo di 1 limone

Preriscaldate il forno a 180 gradi, attenzione alla temperatura, bisogna conoscere il proprio forno, la temperatura è indicativa.
Tagliate le mele e versate sopra il succo di limone.
Montate tuorli e zucchero, unite lentamente il burro sciolto a temperatura ambiente, la ricotta, il latte , la farina, la fecola e il lievito.



















Montate a neve gli albumi e uniteli al composto molto lentamente dal basso verso l'alto e poi
unite le mele tagliate a pezzetti.

Versate in una tortiera precedentemente unta di burro e infarinata diametro 26 e infornate per circa 50 minuti, fate la prova stecchino.

SON TORNATA!!!!

Questo blog mi ha tenuto compagnia per anni, ho conosciuto sia virtualmente che di persona gente fantastica, poi gli impegni di lavoro mi hanno allontanato ... ma ora son tornata!!! Cercherò di ricominciare a curarmi del blog con tante ricette e consigli vari, un abbraccio grande a tutti!
Mariacristina

mercoledì 30 luglio 2014

A COSA SERVE L'ABBATTITORE IN CUCINA

FRESCO è il primo abbattitore rapido di temperatura pensato per la casa, per coloro che sono attenti alla sana alimentazione e coltivano il piacere di cucinare per sé e per gli altri.
Fresco unisce il caldo lento al freddo rapido (tecnologia brevettata Irinox), offrendo 7 funzioni innovative che permettono di abbattere rapidamente i prodotti dopo la cottura, di surgelare e scongelare in tempi contenuti e in modo controllato, di cuocere a bassa temperatura carne e pesce, di lievitare pane, pizza e focacce, di far trovare il piatto pronto e caldo da servire, di conservare alla temperatura ideale ed infine di rinfrescare vino e bevande.


LA VENDITA e IL COSTO :
PREZZO 1.500,00 IVA COMPRESA - CONSEGNA A DOMICILIO INCLUSO 
NB. LA VENDITA E' ASSISTITA E SEGUITA DA DIMOSTRAZIONE SULL'UTILITA' E IL FUNZIONAMENTO DEL PRODOTTO FRESCO

FRESCO E' UNA VENDITA DIRETTA FRA PRODUTTORE E CLIENTE
GLI ORDINI SI ESEGUONO NEI NEGOZI INCARICATI ALLA VENDITA, OPPURE ANCHE VIA EMAIL

CONTATTI:
EMAIL: info@cris4cakes.com 
TELEFONO: 3394919251

I BENEFICI DI FRESCOScegliere Fresco significa garantire per sé e per la propria famiglia un’alimentazione varia e nutriente grazie alla conservazione ottimale delle qualità del cibo: vitamine, valori nutritivi, colori e profumi degli alimenti. Anche la morbidezza, l’aspetto e la consistenza, garanzie di freschezza per ogni cibo, vengono preservate perfettamente. Fresco consente di risparmiare nella spesa di tutti i giorni e di evitare gli sprechi, grazie ad acquisti oculati e di prodotti stagionali al miglior prezzo, da conservare poi per molti mesi. L’abbattitore di temperatura permette di organizzarsi al meglio e soprattutto di cucinare quando si ha il tempo e la voglia, preparando pranzi e cene con calma, in anticipo e senza stress. Si riscopre così il piacere della convivialità, del mangiare bene e la libertà di organizzare pranzi anche all’ultimo minuto.



L'ABBATTITORE DI TEMPERATURAIL FUTURO IN CUCINA

L'abbattitore abbassa la temperatura di un alimento fino a venti volte più velocemente rispetto a un tradizionale freezer. Riducendo il tempo di congelamento, l'acqua contenuta nei cibi si trasforma in microcristalli che non alterano la struttura dell'alimento, come invece avviene impiegando un tradizionale freezer che trasforma l'acqua in macrocristalli.
La differenza la si vede allo scongelamento: un alimento surgelato rapidamente conserva perfettamente la sua struttura, la consistenza, il colore e il sapore.
In questo modo si garantisce per sè e per la propria famiglia un'alimentazione varia e nutriente grazie alla conservazione ottimale delle qualità del cibo: vitamine, valori nutritivi, colori e profumi degli alimenti.
L'abbattitore di temperatura permette anche di organizzarsi al meglio e soprattutto di cucinare quando si ha il tempo e la voglia, preparando pranzi e cene con calma, in anticipo e senza stress. Si ricopre così il piacere della convivialità, del mangiar bene e la libertà di organizzare pranzi anche all'ultimo minuto.

I grandi cuochi avranno anche i loro segreti, ma possono contare sulla migliore tecnologia.
Oggi grazie a IRINOX, Leader negli abbattitori Professionali, la tecnologia è a disposizione per tutti gli amanti e appassionati di cucina e sana alimentazione.

FREDDO VELOCE ( 4 funzioni )

Il freddo, si sa, è il miglior conservante presente in natura. FRESCO offre funzioni nuove rispetto a quelle tradizionali del frigorifero e del freezer che tutti usiamo in casa, permettedovi una migliore gestione del tempo in cucina.
- Raffreddamento rapido
- Surgelazione rapida
- Scongelamento controllato
- Raffreddamento bevande

CALDO LENTO ( 3 FUNZIONI )
Il caldo trasforma i cibi rendendoli commestibili. Se ben dosato e dolce, ne esalta le proprietà e permette nuove magie in cucina.
- Cottura lenta a bassa temperatura
- Lievitazione naturale
- Piatto pronto 

1) Abbattimento rapido della temperaturaQuesta funzione porta la temperatura di un piatto caldo, ancora fumante, dalla temperatura di cottura fino a 3°C in tempi molto più rapidi rispetto un raffreddamento a temperatura ambiente.
Questo interrompe la proliferazione batterica, garantendo una coservazione migliore fino a 5/7 giorni. Abbattendo i cibi conserverete al meglio tutta la fragranza, il colore e le proprietà organolettiche che rendono gli alimenti buoni e gustosi.
Come una magia, si cucina quando si ha il tempo e il desiderio di farlo e si mangia fresco ogni giorno.
L'abbattitore di temperatura è il macchinario che opera esattamente al contrario dei forni ed è stato concepito per raffreddare i cibi mediante la sottrazione rapida del calore accumulato durante la cottura, portandoli al di sotto della fascia termica di rischio compresa tra i +40°C e i 10°C, ideale per la proliferazione batterica.
2) Surgelazione rapida
Più rapido è il congelamento, migliore è il mantenimento della qualità del prodotto. Allo scongelamento le pietanze saranno fresche, gustose e consistenti come se non fossero mai passate dal freezer.
Il ciclo di surgelazione rapida a -18°C (con temperatura dell’aria in camera fino a -30° C) permette una lunga conservazione degli alimenti, fino a 6-18 mesi. Più rapido sarà il congelamento dell’acqua contenuta nei cibi (microcristalli), migliore sarà la qualità del prodotto una volta scongelato. Allo scongelamento, infatti, le pietanze risulteranno fresche, gustose e consistenti come se non fossero mai state in freezer.

3) Scongelamento controllatoQuesta funzione scongela gli alimenti più rapidamente, in maniera uniforme e senza parziali cotture dell'alimento.
Lo scongelamento degli alimenti è una fase molto delicata che spesso compromette la qualità delle pietanze. FRESCO scongela gli alimenti rapidamente, con una ventilazione delicata che permette di riassorbire l’acqua microcristallizata all’interno dei cibi. Gli alimenti risulteranno così scongelati in maniera uniforme poichè lo fa in ambiente controllato, gli alimenti conservano la loro naturale umidità, fragranza e consistenza. E’ ideale anche per prodotti da servire freddi, come sushi, semifreddi e dolci con creme.

4) Raffreddamento bevandeQuesta funzione raffredda circa un grado al minuto la temperatura di qualsiasi bevanda.
Consente perciò di portare a temperatura di servizio il vino preferito, quello portato dai vostri ospiti, oppure la bibita dimenticata fuori dal frigo.
Si può così evitare di affollare il frigo di bevande, ed essere sempre pronti in caso di ospiti inattesi.
Questa comoda funzione è stata pensata per gli amanti del buon vino che desiderano sempre gustarlo alla giusta temperatura che ne esalta i profumi e gli aromi.

5) Cottura lenta a bassa temperaturaQuesta funzione fino ad oggi è stato uno dei segreti degli chef professionisti.
Una cottura a temperatura che non supera gli 75°C e cuoce dolcemente carni e pesce, conservandone tutta l'umidità, la morbidezza, il sapore e le proprietà nutritive.
Una tecnica di cottura che vi farà esplorare nuove e inedite ricette, che nessun elettrodomestico poteva realizzare fino ad ora.

6) Lievitazione naturaleMantiene costante la giusta temperatura di lievitazione di pane, pizze, brioches, permettendo di concludere in modo ideale il ciclo di fermentazione del lievito, rendendo gli impasti molto più digeribili.

7) Piatto prontoOffre la comodità di uscire la mattina, conservare il piatto come fosse in frigorifero e trovarlo caldo, come appena uscito dal forno. Ciò che ognuno vorrebbe trovare al proprio rientro.

CARATTERISTICHE TECNICHE
Tensione : 230 V
Frequenza : 50 Hz
Potenza massima : 250 W
Corrente massima : 1,7 A
Tipo gas / quantità : R404A / 138g
Classe Climatica : N ( 16°C + 32°C )
Peso Netto : 29 Kg

DIMENSIONI
Dimensioni esterne : L.56,4 x 36,2 x 40 h. ( altezza compreso piedini h.2,8 )
Dimensioni interne : L.32,6 x 27,9 x 19,5 h


SUSHI ANISAKIS FREE
GUSTARE IL PESCE CRUDO SENZA RISCHI
Sushi
È un cibo della cucina giapponese preparato con riso, a base di pesce, alghe, vegetali.
Il ripieno può essere crudo, cotto o marinato. Comunemente è inteso come pesce crudo o come riferimento ad altri cibi giapponesi come il maki, il nigiri e il sashimi.

Etimologia :
In Giappone la parola sushi significa letteralmente "acido" e si riferisce ad una vasta gamma di cibi preparati con riso. Al di fuori del Giappone viene spesso inteso come pesce crudo, o come riferimento ad un ristretto genere di cibi giapponesi, come il maki o anche il nigiri e il sashimi (che in Giappone non è considerato sushi perché composto di solo pesce fresco).

Sushi made in ItalyIl pesce crudo è un ingrediente comune in molti piatti regionali italiani.
Un tipico antipasto di mare della cucina siciliana? Le alici crude marinate.
Un altro piatto dall’indiscusso primato sono le ostriche crude.
Ci sono poi il carpaccio di salmone o di tonno.
Sovrano del crudo barese è senza dubbio il riccio di mare.
Immancabili sono infine il polipo crudo e gli allievi, cioè delle seppioline che non superano i 3-4 centimetri e si mangiano privandole semplicemente dell’ossicino, con un filo d’olio e una spruzzata di limone.

I RISCHI DEL PESCE CRUDOMangiare pesce crudo è sempre più frequente: oltre al sushi, carpaccio e antipasti crudi fanno ormai parte, a pieno titolo, dei menu di moltissimi ristoranti italiani.
A prima vista è un’abitudine molto salutare, perché il pesce crudo mantiene inalterato tutto il suo preziosissimo omega 3 e conserva al meglio le sue qualità nutritive. Ci sono però scomodi ospiti che potrebbero dare origine a una parassitosi da pesce crudo: di questi il più pericoloso è l’anisakis.
Questo parassita si trasmette all’uomo attraverso l’ingestione di pesce crudo, può contaminare molti tipi di pesce ed è particolarmente resistente. Solo la cottura prolungata (almeno 10 minuti) o il congelamento a bassissime temperature riescono ad eliminarlo.
I sintomi? Provoca nausea, vomito e, molto spesso, violentissimi dolori addominali.

L’ Anisakis è estremamente diffuso.
85 % delle Aringhe
80 % delle Triglie
75 % dei Merluzzi

Ogni settimana vengono ritirate dal mercato partite di pesce infestato dal parassita: recentemente, in Europa sono stati lanciati 121 allarmi per presenza di Anisakis.

COSE' L'ANISAKIS

Questo nematode è una larva bianca della lunghezza di 1-2 cm, molto pericoloso per la salute perchè migra dalle viscere del pesce alle sue carni se, quando pescato, questo non viene prontamente eviscerato. Tra le specie soggette ci sono le alici, le sardine, gli sgombri e le aringhe, ma anche i tonni, i salmoni, i merluzzi, le triglie, i branzini, i pesci spada, oltre che i totani, i naselli e la rana pescatrice.
Anisakis è un genere di nematodi parassiti di diversi animali marini

Ciclo biologico : Questi parassiti si trovano, allo stadio adulto, nell'addome dei mammiferi marini (balene,foche, delfini), più precisamente nello stomaco, e sono visibili a occhio nudo. Nei pesci sono presenti all'interno delle carni, prevalentemente nella parte inferiore, dove assumono una colorazione biancastra.

Le specie di anisakis svolgono il loro ciclo biologico in ambiente marino. Le uova vengono rilasciate in acqua attraverso le feci dei mammiferi marini e si sviluppano vari stadi larvali. Subito dopo la schiusa vengono ingeriti dai primi ospiti intermedi, di solito i piccoli crostacei che costituiscono il Krill. Il krill a sua volta viene ingerito dal secondo ospite intermedio, o paratenico (cioè in cui il parassita non può svilupparsi e crescere), che è il pesce. A questo punto si sviluppa l'ultimo stadio larvale che può passare direttamente al suo ospite definitivo (mammiferi marini) per il completamento del suo ciclo biologico, oppure può trovarsi accidentalmente in un altro ospite, definito per questo accidentale (nel quale il parassita non evolve a successivi stadi di sviluppo), che può essere l'uomo se quest'ultimo si ciba di pesce crudo o poco cotto che contenga al suo interno la larva di Anisakis.
Questi nematodi, visibili a occhio nudo, misurano dai 1 ai 3 cm, vanno dal colore bianco al rosato, sono sottili e tendono a presentarsi arrotolati su se stessi.

La marinatura non uccide i parassiti, la cottura andrebbe fatta ad almeno 60°C per 10 minuti.Nella migliore delle ipotesi, una volta ingerita, la larva muore o non dà sintomi; può però anche impiantarsi sulla parete dell’apparato gastrointestinale, dallo stomaco al colon, dando luogo a una parassitosi acuta o cronica, che insorge già dopo poche ore dall’ingestione del pesce crudo. L’Anisakis è stato riconosciuto anche come possibile causa di allergia, con reazioni come orticaria, asma, angioedema, rinite, congiuntivite e shock anafilattico. La cura richiede molto spesso l’intervento chirurgico, per asportare la parte dello stomaco o dell’intestino attaccata dai parassiti.

Come riconoscere il pesce frescoL’occhio del pesce deve essere convesso, all’infuori, non piatto e infossato; le squame e la pelle devono essere brillanti e mai coperte da muco; le branchie devono essere di colore rosso vivo; infine fare attenzione all’odore, che è sempre il primo segnale della conservazione non ottimale del pesce.

QUAL'E' LA SOLUZIONE ?Cosa fare allora? Prima di essere consumato in totale tranquillità, il pesce crudo deve essere tenuto a – 20°C per almeno 24 ore, ossia congelato. Purtroppo, però, congelandolo con un tradizionale freezer se ne compromette la struttura, il gusto e l’apporto vitaminico. La soluzione ideale è l’uso di un abbattitore rapido di temperatura che surgela velocemente, così come richiesto dalla normativa, ma non “danneggia” la qualità del pesce.

Il surgelamento rapido con Fresco elimina del tutto il rischio Anisakis, mantenendo intatto il sapore e la consistenza delle carni: è praticamente impossibile distinguere al palato un prodotto surgelato rapidamente da uno non trattato.

L'ABBATTITORE DI TEMPERATURA
L'abbattitore abbassa la temperatura di un alimento fino a venti volte più velocemente rispetto a un tradizionale freezer. Riducendo il tempo di congelamento, l’acqua contenuta nei cibi si trasforma in MICROCRISTALLI che non alterano la struttura dell'alimento, come invece avviene impiegando un tradizionale freezer che trasforma l'acqua in macrocristalli.
La differenza la si vede allo scongelamento: il pesce surgelato rapidamente conserva perfettamente la sua struttura, la consistenza, il colore e il sapore.

COSA DICE LA LEGGE
NUOVO DECRETO LEGGE BALDUZZI
Il nuovo decreto legge Balduzzi, approvato il 5 settembre 2012 impone restrizioni anche sulla conservazione di pesce crudo. La misura obbliga i distributori a dare informazioni ai consumatori sulla corretta conservazione di pesce crudo: deve essere congelato a -20 °C per almeno 24 ore.Solo così si evita la proliferazione di batteri e parassiti nocivi per la salute, come l'Anisakis. Il ministro della salute impone all'operatore del settore alimentare che offre in vendita al consumatore finale pesce e cefalopoli freschi, nonché prodotti di acqua dolce, sfusi o preimballati per la vendita diretta ai sensi dell'articolo 44 del regolamento (CE) 1169/2011, di “apporre in modo visibile apposito cartello con le informazioni indicate con decreto del Ministero della salute, sentito il Ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali, riportanti le informazioni relative alle corrette condizioni di impiego” (art. 8 comma 4).

COME PREVENIRE :
Cosa FUNZIONA: Le larve vengono devitalizzate se il pesce viene congelato a 20°C per almeno 24 ore o cotto almeno a 60°C per 10 minuti

TRATTAMENTI INEFFICACI :Cosa NON FUNZIONA:
- Marinatura con olio, limone o aceto
- Salagione
- Affumicatura

PER CONOSCERE CHI E' IRINOX

IRINOX E' RICONOSCIUTO IN TUTTO IL  MONDO COME LO SPECIALISTA DEGLI ABBATTITORI E SURGELATORI RAPIDI DI TEMPERATURA
Pioniere nell’introdurre i concetti di freddo rapido e conservazione di alta qualità, Irinox ha sempre creduto nella continua ricerca e nel miglioramento delle tecnologie della perfetta conservazione alimentare.
La tecnologia è 100% italiana, in grado di esaltare il sapore e conservare la qualità di qualsiasi pietanza.
Innovatore nello spirito, nel corso degli anni Irinox ha sviluppato prodotti sempre all’avanguardia proponendo concetti rivoluzionari che hanno dettato gli standard del mercato. Gli abbattitori IRINOX godono infatti di una posizione leader essendo presenti nelle migliori cucine di 80 Paesi nel mondo.
Irinox: la qualità conta!

1989
- Irinox nasce a Corbanese (Treviso, Italia). L'azienda si specializza nella produzione di abbattitori e surgelatori rapidi e di quadri elettrici.
1994 - Apre un nuovo stabilimento a Conegliano Veneto (Treviso, Italia) in cui viene trasferita la produzione di quadri elettrici.
1996 - Lancio della nuova serie di abbattitori HC con le innovative funzioni di abbattimento soft e hard.
2001 - Lancio della nuova serie di abbattitori Logik Chill. Si inaugura un nuovo stabilimento produttivo (9000 mq) a Scomigo-Conegliano.
2005
- Nasce la divisione Irinox Home. Nel medesimo anno Irinox diviene una SpA e viene fondata Irinox USA.
2006 - Nasce la nuova linea di prodotti Irinox Bread 
2009 - Lancio della nuova gamma Multifresh®

RICERCA NELLA QUALITA' ALIMENTARERicerca tecnologica
Da diversi anni Irinox si avvale della collaborazione di laboratori esterni e di enti di ricerca.
La volontà di offrire un miglior servizio ha inoltre portato a creare un laboratorio interno permanente, perfettamente attrezzato per offrire analisi sull'aspetto nutrizionale e qualitativo degli alimenti e in grado di certificare scientificamente i vantaggi dell'applicazione della tecnologia Irinox.
Uno staff di chefs di lunga esperienza e a continuo contatto con i clienti permette a Irinox di continuare a migliorare le caatteristiche e il rendimento delle sue attrezzature.
Ricerca applicativa e innovazione tecnologica sono i principi base che guidano Irinox. Solo con una progettazione e una realizzazione accurata è possibile garantire la qualità dei progetti.
Lo studio e la ricerca di nuovi criteri di progettazione e realizzazione sono il segreto della crescita di Irinox e la qualità dei suoi prodotti viene controllata dai più importanti enti certificatori mondiali (UL, NF, VISION 2000).
Un attrezzato laboratorio tecnico permette una ricerca vasta e un sistema di testing in condizioni estreme garantisce il corretto funzionamento delle attrezzature Irinox in tutto il mondo

giovedì 7 novembre 2013

Diploma Cake Design



Finalmente anche in Italia si potranno conseguire gli ambiti Professional Diplomi PME e il conseguente Master in Cake Design, non sarà più necessario andare all'estero!!!



http://www.italiancakedesigner.com/


La scuola ITALIANCAKEDESIGN in collaborazione con la scuola internazionale inglese PME organizza i corsi con i moduli "Sugarpaste", "Sugar Flowers" e "Royal Icing" per ottenere il Master Certificate.
Unica insegnante accreditata della scuola: Mariacristina Hellmann
Non è obbligatorio frequentare tutti e tre i corsi ma il Master si consegue solo dopo il conseguimento dei tre attestati.
I tre corsi possono essere frequentati senza un ordine prestabilito, anche in scuole diverse.

I moduli PME hanno regole precise:
- la frequenza è obbligatoria, non sono ammessi ritardi o uscite anticipate nemmeno l'ultimo giorno
- è necessario acquisire tutte le tecniche proposte nel programma
- la frequenza al modulo non implica il rilascio automatico del diploma, che viene rilasciato solo e soltanto se il livello raggiunto è giudicato idoneo.
- i corsi sono a numero chiuso, la responsabile della scuola di riserva il diritto di accettare le domande di iscrizione. 
- i corsi hanno una durata minima di 25 ore e le classi sono formate da un minimo di 6 a un massimo di 12 allievi.

Per chi vuole iscriversi a uno dei moduli: mandare email a:
scuolacakedesign@hotmail.com



Costo dei singoli moduli: 460 euro, comprensivi di  kit di attrezzatura di valore circa 60 euro. Si potrà richiedere ai partecipanti di portare alcune proprie attrezzature, questo a secondo dei moduli.

Per sapere quali sono le date in programma consultare http://www.italiancakedesigner.com/search/label/9-%20PROFESSIONAL%20DIPLOMA%20PME


Italiancakedesign School: corso Plebisciti 8 Milano
te 3394919251

Raggiungibile con :
passante ferroviario -61-54-90-91-93-60-14-27-73 

















lunedì 8 aprile 2013

Come si fa ... a colorare la pasta di zucchero

In tanti mi chiedono come si fa a colorare la pasta di zucchero, che coloranti uso, quali sono i migliori.
La pasta di zucchero si colora facilmente usando appositi prodotti.
In commercio troviamo coloranti alimentari liquidi, in gel (o pasta) e in polvere.
Per colorare la pasta di zucchero non si possono assolutamente usare i coloranti liquidi ma solo quelli in gel o in polvere. L'ideale è usare coloranti in gel, se ne usa meno di quello in polvere e quindi sono più economici. In ogni caso i coloranti in polvere sono l'ideale per creare sfumature quando si realizzano i fiori con la gumpaste
Procediamo: prendiamo la quantità di pasta di zucchero che ci serve e con uno stuzzicadenti prendiamo un po' di colore fucsia , lo mettiamo sulla pasta e iniziamo a lavorare la pasta per farlo  penetrare. Mettere poco colore alla volta fino ad ottenere il colore desiderato.

 

Ma quali colori alimentari usare? Alcuni sono vietati dalle normative europee, per esempio quelli americani, su altri è obbligatoria la scritta :" nei bambini prò provocare ipereccitabilità o disturbi dell'attenzione". In ogni caso questi coloranti alimentari sono gli stessi che si usano in pasticceria, nei gelati, nelle merendine, nelle caramelle, ecc.
Per cui un consiglio: se avete bambini piccoli non abusate di torte di cake design, al di là dei coloranti che se ne usa pochissimo in ogni caso, non è un bene che i bambini mangino tutto quello zucchero. Che il buon senso prevalga!

C'e molta differenza tra i prodotti in commercio, alcuni colorano con pochissimo prodotto, per altri ce ne vuole di più e non sempre il colore è quello desiderato. I migliori sono quelli della Sugarflair ne basta veramente poco e i colori sono splendidi!!!

Se volete dare un'occhiata al negozio online http://www.cris4cakes.com/ ne troverete tantissimi per ottenere facilmente la pasta di zucchero del colore desiderato.

domenica 25 novembre 2012

Come si fa ... il frosting sulle cupcakes


                                                                                      

 

Vi piacciono le cupcakes? 

Frosting al Philadelphia 

Ingredienti:
400 gr di formaggio Philadelphia in panetti, freddi                                                                                                   

200 gr di burro, a temperatura ambiente
1 cucchiaino di estratto naturale di vaniglia
1 pizzico di sale
300 gr di zucchero a velo, setacciato


Procedimento:
In una ciotola col mixer sbattere il burro.
Aggiungere poco per volta il Philadelphia freddo, tagliato a pezzetti.
gradualmente lo zucchero a velo setacciato.

Coprire  il tutto con la pellicola trasparente e lasciare in frigorifero per circa 15 minuti.Se volete potete colorare il frosting con un colorante alimentare, poi prendete una sache-a-poche col beccuccio adatto e decorate!!! 

Se volete informazioni sui miei corsi a Milano di cake design: italiancakedesigner@hotmail.com



Seguitemi su Facebook!!! mettete  mi piace sulla pagina, vi aspetto  qui http://www.facebook.com/Cris4cakes