NON autorizzo la pubblicazione dei testi, delle ricette e delle foto in alcun spazio della rete senza preventiva richiesta.
Le immagini e i testi pubblicati in questo sito sono di proprietà dell’autore e sono protetti dalla legge sul diritto d’autore n. 633/1941 e successive modifiche.

domenica 3 gennaio 2010

Figlio n.2, in bocca al lupo !!!

Questi giorni di festa sono stati così stressanti e impegnativi che il titolo di questo post potrebbe essere benissimo "mamma sull'orlo di una crisi di nervi", e la mamma sarei naturalmente io.
Ieri 2 gennaio mio figlio n.2 è partito finalmente per gli Stati Uniti per frequentare il secondo semestre del liceo.
Il mio stress non è stato tanto dovuto al fatto che sarà lontano per un lungo periodo, alla preoccupazione sulla scuola o alla sua capacità di adattamento a famiglia e lingua diversa, a controllare le due valigie strapiene, quanto all'organizzazione del tutto.
L'agenzia a cui ci siamo affidati ci ha tenuto in sospeso fino all'ultimo, con la scuola che sapevamo sarebbe iniziata il giorno 5 gennaio.
Ho dovuto chiedere il visto per studio al Consolato il giorno 23 dicembre con richiesta di urgenza, i documenti necessari ci sono stati dati il giorno 24 (se non arrivavano eravamo nei guai con i giorni di festa), al Consolato l'appuntamento è stato il lunedì 28, l'aereo è stato prenotato martedì 29 per il giorno 2, e addirittura le notizie riguardo la famiglia ospitante e il nome della scuola sono arrivate il 30 gennaio sera e i documenti per il viaggio, leggi biglietto aereo e assicurazione, il 31.
Tengo a precisare che la richiesta di iscrizione al programma per un semestre di studio era stata fatta a giugno, non l'altro ieri.
A questo si è aggiunta da parte mia la preoccupazione per il viaggio, viaggare su un volo Delta Airline proprio a pochi giorni da un fallito attentato! I controlli a Malpensa sono stati grazie a cielo maniacali, non tanto da parte delle autorità italiane ma da parte della compagnia aerea.
Comunque n.2 è arrivato, se l'è cavata al cambio aereo, all'immigrazione, è sopravvissuto al fatto che all'aereoporto fossero arrivati in ritardo a prenderlo e alla pizza che la signora che sarà la sua mamma americana gli ha preparato in suo onore.
E ora che finalmente il figlio n.3 è riuscito a trascinarmi in montagna a fare lo spericolato con lo snowboard e sperimenta per la prima volta la vita da figlio unico, devo fare un messaggio a n.2:
"sei riuscito a realizzare il tuo sogno, sfrutta l'opportunità che ti è stata offerta, resisti agli inevitabili momenti di sconforto che arriveranno, siamo tutti con TE!!!

p.s. per n.2: se devi farti la pasta o far andare la lavatrice sai dove trovare come fare!

11 commenti:

  1. insomma è stato un periodo impegnativo!! innanzitutto brava a lasciarlo andare, non dev'essere facile separarsi per così tanto tempo, ma vedrai che ringrazierà a vita per qs esperienza!
    buon divertimento in montagna e ... BUON 2010!!
    baci Smile

    RispondiElimina
  2. gulp! che avventura comincia...

    RispondiElimina
  3. @Smile:grande esperienza, ma non hai idea di quante complicazioni e imprevisti, non ultimo ieri mi ha detto che la scuola non è quella che ci hanno confermato da Milano ma un'altra di cui non sappiamo nulla.

    RispondiElimina
  4. mamma mia non sono state proprie vacanze natalizie all'insegna del relax, cmq l'importante è che si trovi bene nella nuova famiglia e che questa esperienza gli serva negli anni avvenire quando anche lui avrà una famiglia e capirà quando sia difficile allontanarsi da questi cucciolotti!!Io al solo pensiero mi appanico, ma ancora ho tempo...siamo solo a tre anni e mezzo!!
    Un bacio e non fare troppo la spericolata sulla neve!

    RispondiElimina
  5. @Milla:tre anni e mezzo, che bella età! Il panico da allontanamento c'è sempre a qualunque età purtroppo, ma bisogna lasciarli andare. La spericolata sulla neve non l'ho fatta io ma n.3 che si è disfatto un ginocchio, e non è la prima volta!

    RispondiElimina
  6. I miei amici, so di cosa si sta andando, ho dovuto vedere i miei figli vanno via per completare i loro studi ... ma posso dirvi, li si vede oggi, costituito a seguito della vite e nelle loro professioni e fiero di me tutto ciò che l'ansia del passato è dimenticato nella memoria. La cosa importante è essere sempre in giro quando lo fanno, infatti, Dio guida!
    Bjuss!

    PS: Mi scusi se la traduzione non è buona, spero che tu capisca!

    RispondiElimina
  7. @Rachel:grazie, sei veramente molto simpatica, sei riuscita a tradurre dal portoghese all'italiano, si capisce benissimo!

    RispondiElimina
  8. Ciao gironzolavo tra i vari blog ed eccomi qua.
    Ti lascio un salutino Buona giornata

    RispondiElimina
  9. @Dual:grazie della visita, passerò a trovarti, ciao!

    RispondiElimina

Se lasciate un commento mi fa piacere, ma NON VERRANNO PUBBLICATI I COMMENTI SENZA NOME. E saranno cancellati i commenti che altro non sono che pubblicità commerciali
Thank you very much for sharing your thoughts with me!